Fiere
Il brand debutta a Euroluce con le nuove proposte d’illuminazione
Flaminia Lighting

Per la prima volta Flaminia partecipa a una manifestazione dedicata alla luce e lancia ufficialmente la nuova divisione Flaminia Lighting. La ceramica, con il suo fascino e la sua versatilità, viene plasmata per dar vita a una collezione di oggetti illuminati. Da un uso inedito di questo materiale tradizionale sono stati creati prodotti di grande appeal, caratterizzati da un’ampia offerta cromatica che è sempre stata una delle caratteristiche dell’approccio di Flaminia alla progettazione d’interni.

In fiera, in uno spazio espositivo di grande suggestione si animano le nuove lampade firmate Flaminia Lighting. Gli ambienti caratterizzati da una tinta color petrolio, che contraddistingue anche tutta la comunicazione di questa divisione dell’azienda, sono stati pensati da Giulio Cappellini per accompagnare i visitatori in un’esperienza immersiva e totalizzante.

La matericità della ceramica restituisce ai volumi una bellezza senza tempo, le lampade diventano elementi architettonici dalla forte componente stilistica. La purezza del Bianco oppure la profondità metallica della Grafite brillano nel riflesso delle finiture lucide, la tattilità delle superfici mat scopre un fascino neo-rétro nel color Latte, così come rivela il suo animo glamour nelle coloriture Oro e Platino. Il ritmo di questo percorso emozionale è scandito dalle forme iconiche di Make-Up, il progetto firmato da Paola Navone, da quelle pure e levigate di Saltodacqua, la lampada da terra e da soffitto di Hsiang-Heng Hsiao che si ispira alle antiche tazze da tè orientali, e dalle proposte della collezione Lux,la lampada nata dalla creatività di Patrick Norguet che cita le atmosfere degli ambienti industriali dell’inizio del XX secolo.